• Natura

Il Bosco di Malabotta

Bosco malabottaÈ uno degli ultimi boschi “naturali” presenti in Sicilia,  una vera meraviglia per gli appassionafi di flora e fauna. Sorge tra due catene montuose, quella dei Nebrodi e quella dei Peloritani, e si estende per 32,21 km².
Il bosco è ricco di tante specie arboree, quali il Cerro (un tipo di quercia), il Perastro, il Sambuco, il Frassino, l’Acero, il Citiso, diverse forme di Salice, oltre alle coltivazioni di Nocciolo, Noci e Castagno.
Il sotto bosco invece è ricco di alcune piante particolari come la Peonia, il Biancospino, la Ginestra odorosa e la Rosa canina.
Dal bosco è possibile ammirare dei paesaggi mozzafiato, oltreché misteriosi, come i Megaliti dell’Argimusco, o i maestosi Patriarchi, relitti centenari di alberi di Cerro, di cui ne esistono alcuni di circa due metri di diametro, che si incontrano lungo il sentiero.
Inoltre il bosco è popolato da rapaci diurni e notturni, quali l’aquila reale, la civetta e il barbagianni.

Il fiume Elicona e i mulini ad acqua

Fiume eliconaIl fiume nasce dall’Argimusco e dai Losi, scende attraverso Montalbano per giungere fino al mar Tirreno tra Tindari e Falcone.
Da sempre ha svolto un ruolo importante nelle vicende del paese. Nei secoli passati lungo il suo tortuoso percorso vennero costruiti dei mulini ad acqua, dove i montalbanesi si recavano a piedi o a dorso di un mulo trasportandovi il grano da macinare. Con la costruzione del primo mulino meccanico, i mulini ad acqua vennero uno ad uno abbandonati. Oggi i mulini dell’Elicona sono tutti in rovina, ma le mura, le ruote avvolte nella vegetazione, evocano ancora i ricordi di chi era solito andarci per la farina o per i bagni delle “scappate estive”.

Il Parco dei Nebrodi

Lago biviereIstituito il 4 agosto 1993, è la più grande area protetta della Sicilia.
Il territorio è caratterizzato dalla diversità di modellazione dei rilievi, dalla ricchissima vegetazione e dagli ambienti umidi.
Importante  è la ricchezza della fauna; infatti qui è possibile trovare piccoli mammiferi, rettili, anfibi e uccelli. Molto conosciuto è il suino nero dei Nebrodi, ma vi è anche la presenza del cinghiale, della volpe, dell’istrice, del riccio, del gatto selvatico, della martora, della donnola, della lepre e del coniglio, e, anche se molto rarefatta, del ghiro

Molti sono gli uccelli in quest’area, sparvieri, poiane, gheppi, il falco pellegrino, il merlo acquaiolo, il martin pescatore, la beccaccia, l’upupa e il corvo imperiale.

Back to top